Skip to content

SCARICARE MASSIMA DEFIBRILLATORE


    Di solito più è alta l'energia (il massimo è di Joule) più è efficace la scarica di defibrillazione, anche se ciò che rende efficace una defibrillazione non è tanto. Il defibrillatore semiautomatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, automated external defibrillator) è un dispositivo in grado di riconoscere e interrompere tramite l'erogazione di una scarica elettrica le aritmie maligne responsabili dell'arresto cardiaco. Paolo Azzolini, Massimo Ciavolella, Sante Cicconi, Giuseppe Fradella, Silvia o TVsP: • eroga una scarica di defibrillazione alla massima energia • continua il. Se li avrai percorsi tutti, la probabilità della vittima di salvarsi sarà massima (più Il defibrillatore è una macchina che eroga una scarica elettrica di brevissima. sottolineato che la defibrillazione precoce integrata con una RCP di qualità se non sono disponibili defibrillatori manuali • Scarica e RCP come prima fase di consigliata dal produttore, considerare una defibrillazione alla dose massima.

    Nome: massima defibrillatore
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file:51.22 MB

    SCARICARE MASSIMA DEFIBRILLATORE

    I defibrillatori semiautomatici sono tutti uguali? Sul mercato esistono dei defibrillatori con un selettore adulto pediatrico che permette di ridurre la potenza di scarica ed utilizzano un elettrodo universale. Altre macchine invece si possono adattare al pediatrico con gli elettrodi specifici per bambini che automaticamente fanno abbassare la potenza della scossa al dispositivo.

    Dove vanno collocati i defibrillatori? Il defibrillatore non deve essere esposto alla luce del sole nelle ore più calde della giornata e non deve andare sotto zero.

    Figura: defibrillatore semiautomatico In altre parole, chi usa un defibrillatore automatico deve soltanto azionare lo strumento, posizionare le piastre metalliche sull'individuo che necessita della defibrillazione e lasciare che il dispositivo faccia le sue operazioni. Nei locali pubblici, rispetto ai modelli semiautomatici, i defibrillatori automatici sono meno diffusi.

    Come accennato, il defibrillatore cardiaco impiantabile assomiglia molto a un pacemaker. Infatti, allo stesso modo di quest'ultimo: Richiede un intervento chirurgico per il suo inserimento sottocutaneo, appena sotto la clavicola sinistra; È unito al cuore per mezzo di elettrocateteri, i quali svolgono la funzione di monitoraggio del ritmo cardiaco e la funzione di trasmissione della scarica elettrica; Una volta installato, un medico cardiologo deve programmarlo attraverso un dispositivo computerizzato appositamente studiato allo scopo.

    Per ovvie ragioni, la programmazione dipende dal disturbo cardiaco che affligge il paziente.

    Per approfondire, leggi l'articolo sulla cardioversione Indicazioni Il defibrillatore manuale esterno ha indicazioni leggermente diverse dal defibrillatore semiautomatico e dal defibrillatore automatico. Una volta acceso, l'apparecchio chiederà di collegare le placche elettrodi al paziente e di inserire lo spinotto degli elettrodi nell'apposito connettore.

    A quel punto, se riconosce un battito anche debole, dirà che la scarica non è necessaria e richiederà di controllare la respirazione. Se riconosce un ritmo cardiaco defibrillabile , come fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare , segnalerà la necessità della scarica e si preparerà a scaricare.

    Defibrillazione

    Se invece il cuore non batte o viene rilevato un ritmo non defibrillabile , il DAE dirà che non è necessaria la scarica e chiederà di riprendere le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Il defibrillatore, mentre analizza il ritmo cardiaco del paziente tra un ciclo di rianimazione cardiopolmonare e l'altro, segnala sempre di allontanarsi dal paziente e di non toccarlo.

    Quando è necessario effettuare la scarica, viene emesso un segnale acustico e si accende la segnalazione luminosa del pulsante di scarica.

    In questo momento l'apparecchio è pronto a scaricare, e la scarica viene erogata premendo l'apposito pulsante.

    Sarebbe opportuno spegnere tutti gli strumenti elettronici nelle vicinanze del D. Dopo aver scaricato, l'apparecchio va in pausa per circa 2 minuti, trascorsi i quali effettua un'altra rilevazione delle funzioni elettriche del cuore, tornando ad avvertire di non toccare il paziente. A questo punto, se il cuore ha ripreso a battere, come detto prima, richiederà di controllare il respiro.

    Se il cuore non ha ripreso a battere, si deve continuare con la manovra del BLS senza staccare gli elettrodi.

    Dopo 2 minuti, durante i quali i soccorritori devono eseguire la RCP, lo strumento avvertirà che sta nuovamente procedendo al controllo delle funzioni cardiache, rammentando allo stesso tempo di non toccare il paziente, per poi dichiarare se si deve effettuare una nuova scarica.

    La FV presenta un ritmo caotico e disorganizzato. Il movimento disordinato di vibrazione dei ventricoli rende il cuore una pompa inefficace e incapace di fornire ossigeno al corpo e al cervello.

    Sopra Come viene trattata la FV? L'unico trattamento efficace per la FV è una scossa elettrica denominata defibrillazione.

    La defibrillazione è una corrente elettrica applicata al torace. La corrente elettrica passa attraverso il cuore con lo scopo di arrestare la FV e riportare il sistema elettrico del cuore alla normalità.

    Questa corrente aiuta il cuore a riorganizzare l'attività elettrica in modo che possa pompare di nuovo il sangue. Sopra Che cosa è un DAE? Un DAE defibrillatore automatico esterno è un dispositivo che analizza il ritmo cardiaco e valuta se questo sia defibrillabile, avverte il soccorritore se è necessaria la defibrillazione ed eroga una scarica, se è necessario.

    Come funziona il defibrillatore

    Se usato su persone che non rispondono e non respirano, il DAE è estremamente sicuro. Sopra Cosa succede se si dimentica la procedura per l'utilizzo di un DAE? I passaggi per erogare uno shock ad una vittima di arresto cardiaco improvviso sono semplici e diretti.

    La parte più difficile è riconoscere se la defibrillazione è necessaria, ma questo è compito del defibrillatore! Applicare gli elettrodi al torace della vittima libero da indumenti e seguire le istruzioni vocali e i messaggi dati dal DAE.

    Cos’è un defibrillatore? - ARCS

    Sarà lui a dirvi quando riprendere la RCP. La RCP garantisce un minimo di circolazione del sangue ricco di ossigeno verso cuore e cervello della vittima.

    Questa circolazione ritarda sia la morte cerebrale che la morte del muscolo cardiaco. La RCP aiuta anche il cuore a rispondere meglio alla defibrillazione. I DAE sono estremamente sicuri se usati correttamente. La scarica elettrica è programmata per andare da un elettrodo all'altro attraverso il torace della vittima.