Skip to content

DI UN INDUTTORE SCARICARE


    Carica e scarica di un induttore. Index Meccanica Esercizi. Questo sito fa uso di slutwalk-leipzig.infouendo nella navigazione si accetta l'uso di cookie. Un circuito RL è un circuito elettrico del primo ordine basato su una resistenza e sulla presenza di un elemento dinamico, l'induttore. Stampa/esporta. Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. regola la carica di un induttore in un circuito RL. Introduzione. Il nostro lavoro è consistito nello studio del grafico della curva fornitaci dal gruppo dei fisici. Volevo chiedervi una mano nella comprensione di questo circuito ed in particolare nel trovare l' equazione che descrive l' andamento di Vout. Il. La corrente deve essere limitata, quindi, da un elemento esterno, un resistore o un induttore. Nella regione di scarica d'arco la corrente è alta, la tensione bassa:​.

    Nome: di un induttore
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file:45.43 MB

    DI UN INDUTTORE SCARICARE

    Forum Il circuito risonante puro Il circuito risonante è un circuito elettrico che serve per la generazione di una tensione alternata ad alta frequenza. Il più semplice circuito elettrico risonante puro è composto da un induttore collegato in serie ad un condensatore: il fenomeno della risonanza si manifesta nel continuo scambio energetico tra condensatore ed induttore senza perdite di energia. Per meglio comprendere il fenomeno, associamo il circuito ad un pendolo.

    Fase di carica del condensatore b Al fenomeno di scarica del condensatore e alla generazione di corrente è associato il movimento del pendolo da una estremità all'altra: nel punto mediano della traiettoria l'energia potenziale assumerà un minimo ad indicare la completa trasformazione dell'energia potenziale posseduta inizialmente dal pendolo in energia cinetica.

    Per analogia, possiamo associare l'energia cinetica all'energia elettrostatica posseduta dal condensatore durante i processi di scarica e carica e l'energia cinetica all'energia magnetica posseduta dall'induttore durante il processo di magnetizzazione e smagnetizzazione.

    La corrente dovuta allo spostamento delle cariche I assumerà il massimo valore nell'istante iniziale della fase di scarica e andrà diminuendo velocemente nel tempo.

    Fase di scarica del condensatore c La variazione della corrente nel tempo causa a sua volta di una variazione del flusso magnetico concatenato con l'induttore e quindi, per la legge di Faraday-Neumann , di una tensione indotta V ai suoi capi.

    Metodo della sovrapposizione degli effetti. Transitori del primo ordine. Transitorio GC in risposta libera e forzata.

    Transitorio RL in risposta libera e forzata. Carica e scarica di un induttore o di un condensatore con variazione impulsiva dello stato di carica. Regime sinusoidale monofase e trifase.

    Grandezze sinusoidali; valor medio; valor efficace. Fasori e algebra relativa. Resistore, induttore e condensatore in regime sinusoidale; tensione, corrente, potenza nel dominio del tempo e nel dominio dei fasori. Generico bipolo in regime sinusoidale e circuito equivalente minimo.

    Modello minimo di rete tipo serie e tipo parallelo Thevenin-Norton in regime sinusoidale; determinazione dei parametri del modello minimo. Criterio della massima potenza erogata dal modello minimo in regime sinusoidale.

    Trasformazione stella-triangolo e viceversa. Partitore di tensione e di corrente in regime sinusoidale. Sovrapposizione degli effetti in regime sinusoidale; valore efficace con armoniche di frequenza diversa. Metodo di analisi mediante le potenze. Risonanza; diagramma polare; risposta in ampiezza e fase.

    Sorgenti e carichi trifase; tensioni e correnti nei componenti trifase a stella ed a triangolo. Sistema trifase canonico e determinazione delle correnti. Potenza nei sistemi trifase; misura della potenza trifase mediante due o tre wattmetri. Potenza istantanea in un sistema trifase.

    Analisi di un sistema trifase simmetrico ed equilibrato; modello equivalente monofase. Due-porta resistivo lineare.

    Due-porta resistivo a corrente impressa e a tensione impressa; equazioni costitutive; identificazione dei parametri; modello circuitale. Due-porta resistivo in formulazione ibrida e di trasmissione; equazioni costitutive; identificazione dei parametri; modello circuitale; trasformatore ideale resistivo. Sorgenti pilotate; equazioni costitutive e loro rappresentazione. Giratore: equazioni costitutive. Due-porta induttivo. Mutuo induttore e due porta-induttivo: definizione energetica; variabili di stato e variabili ausiliari; possibili formulazioni delle equazioni costitutive.

    Equazioni costitutive ed energetica a correnti impresse; forma quadratica della variazione di energia; vincolo sul segno dei coefficienti di auto e mutua induttanza.

    Legame fra tensioni e correnti in regime variabile e in regime sinusoidale; circuito equivalente a corrente impressa; serie equiversa e controversa di due induttori accoppiati e deduzione della mutua induttanza. Funzionamento a vuoto e in corto circuito. Formulazione con variabili ibride impresse; equazioni costitutive; variazione di energia fra due stati. Circuiti equivalenti con variabili ibride.

    Trasformatore ideale di corrente o di tensione e circuito equivalente; trasformatore ideale e circuito equivalente. Mutuo induttore a flussi impressi: equazioni costitutive; energia; coefficienti di inertanza; funzionamento in parallelo equiverso e controverso; equazioni in regime sinusoidale.

    Legame fra i parametri di induttanza, di inertanza e ibridi. Strutture magnetiche. Introduzione alla modellistica delle strutture magnetiche ed ai circuiti magnetici; definizione operativa delle grandezze magnetiche flusso e tensione magnetica; legge di Ampère; tubo di flusso; tronco di tubo di flusso; bipolo magnetico riluttore; riluttanza e permeanza.

    Vediamo se ho fatto un po di chiarezza: un condensatore non carico collegato a un generatore di tensione non si carica mai con passaggio di cariche tra le armature ma con il seguente processo: gli elettroni vanno dal polo negativo del generatore a un'armatura,le cariche positive di quest'ultima per repulsione si dispongono nella parte interna dell'armatura e attrangono un numero uguale di cariche negative all'interno dell'altra armatura,respingendo allo stesso tempo una quantità uguale di elettroni che si muoveranno verso il polo positivo del generatore.

    A questo punto se siamo in corrente continua,il processo si ferma e smette di circolare corrente. Nel caso di corrente alternata anche questa prima parte è vera suppongo ma una volta che la polarità si è invertita e il nostro circuito avrà a questo punto un condensatore carico ,gli elettroni che giungono sull'armatura del condensatore pari in numero a quelli di prima?

    Circuito LC e risonanza

    Ora invece arriva la parte più "oscura" , che farà forse ridere molti ma che io ho avuto comunque il coraggio di interpretare a modo mio Quando poi la polarità viene invertita inizia a circolare corrente in senso opposto di intensità pari a quella di prima? Supponiamo che il condensatore scarico venga collegato a una batteria.

    Il polo negativo della batteria inserisce istantaneamente una quantità di elettroni sull'armatura del condensatore, tanti quanti ne sottrae il polo positivo della batteria stessa dall'altra armatura. Dunque il condensatore ha le due armature cariche di segno opposto perché la batteria ha trasferito elettroni succhiandoli via dall'armatura positiva e portandoli attraverso sé stessa sull'armatura negativa. Insomma la batteria è come una pompa che succhiando elettroni da una parte e portandoli dall'altra mantiene un potenziale nel condensatore pari alla fem.

    Quando poi la batteria viene invertita di polarità caso della successiva semionda alternata, supposta come un'onda quadra , accade l'inverso, cioè l'accumulo di elettroni viene svuotato e in più viene creato accumulo di elettroni sull'armatura opposta. Induttore Qui le cose sono un tantino meno evidenti. Intanto non capisco il tuo discorso sulla corrente uscente dall'induttore sarebbe minore Fugato questo dubbio vediamo cosa succede.

    Circuito RL - Wikipedia

    Supponiamo a scopo didattico di collegare all'induttore un generatore di corrente che genera una rampa, cioè la corrente è crescente linearmente nel tempo. Questa corrente entra nell'induttore ed esce inalterata dall'altro morsetto, niente la ferma perché è generata da un generatore di corrente che la impone fregandosene di quello che succede fuori.

    Questa corrente genera un campo magnetico nell'induttore che cresce anch'esso linearmente nel tempo. E l'unico modo che ha di opporsi è creare una f. Come a dire che si comporta come una batteria messa in modo da tentare di produrre una corrente in verso contrario, ma bada bene che non crea una corrente che si sottrae a quella imposta, crea solo una tensione opponente e basta. Supponiamo adesso che a un certo punto la rampa finisce e il generatore di corrente genera una rampa discendente.

    Circuito RL

    Ecco, il fenomeno è questo. E' chiaro che se al posto di un generatore di corrente c'è un circuito più complesso, l'induttore in qualche modo riuscirà con le sue f. Nota che ho detto attraversa, dunque la corrente che entra da un morsetto esce dall'altro.